I più votati

La classifica dei migliori film votati dagli utenti di LongTake

Votato da 75 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 75 utenti.

I quattrocento colpi

1959 • 94 min • Francia • b/n • François Truffaut

Il dodicenne Antoine Doinel (Jean-Pierre Léaud) fatica a trovare il suo posto nel mondo, non ha un buon rapporto con la famiglia e rompe gli obblighi sociali che la sua giovane età gli impone, marinando la scuola e manifestando in ogni occasione il suo carattere intemperante. Finirà in riformatorio dopo aver rubato una macchina da scrivere.


Votato da 115 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 115 utenti.

Quarto potere

1941 • 119 min • Usa • b/n • Orson Welles

Dopo la morte del magnate Charles Foster Kane (Orson Welles), il giornalista Thompson (William Alland) è chiamato a indagare sulla sua vita e a scoprire il senso dell'ultima parola pronunciata prima di spirare, Rosabella (Rosebud in originale). Thompson incontrerà il braccio destro di Kane, Bernstein (Everett Sloane), il suo miglior amico, Leland (Joseph Cotten), la sua seconda moglie, Susan (Dorothy Comingore), e il maggiordomo Raymond (Paul Stewart).


Votato da 56 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 56 utenti.

Il gabinetto del dottor Caligari

1920 • 78 min • Germania • b/n • Robert Wiene

Il giovane Francis (Friedrich Feher) racconta, a un vecchio seduto accanto a lui, la storia dell'arrivo del dottor Caligari (Werner Krauss) nella cittadina di Holstenwall, intorno al 1830. L'uomo, in apparenza un ciarlatano da fiera, aveva esibito al pubblico il suo sonnambulo Cesare (Conrad Veidt) dichiarando che egli, una volta sveglio, sarebbe stato in grado di rivelare il passato e il futuro di qualsiasi persona. Da quel momento a Holstenwall iniziò una serie di misteriosi delitti: Francis scoprì che dietro a essi c'era proprio il dottor Caligari, ma non tutto si rivelerà essere come sembra.


Votato da 39 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 39 utenti.

La morte corre sul fiume

1955 • 93 min • Usa • b/n • Charles Laughton

Harry Powell (Robert Mitchum), fanatico religioso che si spaccia per predicatore, sposa e uccide la giovane vedova Harper (Shelley Winters) per sottrarle i 10.000 dollari che il marito ha rubato durante una rapina. I piccoli Harper, John (Billy Chapin) e Pearl (Sally Jane Bruce), gli daranno filo da torcere grazie all'aiuto di Rachel Cooper (Lillian Gish).


Votato da 69 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 69 utenti.

Viale del tramonto

1950 • 110 min • Usa • b/n • Billy Wilder

Los Angeles. Giovane sceneggiatore disoccupato, Joe Gillis (William Holden) finisce per caso nella villa di Norma Desmond (Gloria Swanson), ex diva del cinema muto che vive sognando un utopico ritorno sulla scena: si farà convincere, in cambio di denaro, a trasferirsi da lei e ad aiutarla nella stesura di una roboante sceneggiatura da sottoporre alla Paramount.


Votato da 55 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 55 utenti.

Persona

1966 • 85 min • Svezia • b/n • Ingmar Bergman

Alma (Bibi Andersson), infermiera, riceve il compito di accudire Elisabeth (Liv Ullmann), un'attrice che, mentre recitava L'Elettra, smise improvvisamente di parlare. Da quel momento si è chiusa in un mutismo assoluto: Alma cercherà di scoprirne le ragioni e di farle tornare la parola.


Votato da 76 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 76 utenti.

Tempi moderni

1936 • 87 min • Usa • b/n • Charlie Chaplin

I ritmi disumani e i gesti ripetitivi della catena di montaggio portano alla follia il timido Charlot (Charlie Chaplin), operaio sfortunato che finisce in ospedale, in galera e, tra un imprevisto e l'altro, cerca inutilmente di trovare lavoro. Ritroverà speranze e voglia di vivere grazie alla Monella (Paulette Goddard), compagna di sventure con la quale s'incamminerà alla ricerca di un nuovo futuro.


Votato da 47 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 47 utenti.

Luci della città

1931 • 87 min • Usa • b/n • Charlie Chaplin

Il Vagabondo (Charlie Chaplin) si invaghisce di una fioraia cieca (Virginia Cherrill), che per un equivoco lo crede miliardario, e salva la vita a un vero riccone ubriaco (Harry Myers) che, una volta sobrio, non dà segno di riconoscerlo. Tra mille peripezie, il protagonista cercherà di raccogliere il denaro necessario per restituire la vista all'amata.


Votato da 119 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

Votato da 119 utenti.

1963 • 138 min • Francia, Italia • b/n • Federico Fellini

Il regista Guido Anselmi (Marcello Mastroianni) convive con i diversi satelliti che gli gravitano attorno, dagli ecclesiastici alla moglie remissiva e fedele (Anouk Aimée), dall'amante focosa (Sandra Milo) ai ricordi variopinti di un'educazione e un'istruzione repressive. Passando per una presenza femminile misteriosa ed eterea (Claudia Cardinale) e un film da farsi che però sembra non esserci più.


10° Votato da 24 utenti

Voto Medio 3,9

Voto Medio 3,9

10° Votato da 24 utenti.

Rashōmon

1950 • 88 min • Giappone • b/n • Akira Kurosawa

Il brigante Tajōmaru (Toshirō Mifune) viene arrestato con l'accusa di avere assassinato un samurai (Masayuki Mori) dopo avere violentato sua moglie (Machiko Kyō). Il fatto scatena le congetture di due testimoni (Takashi Shimura, Minoru Chiaki) e di un ladruncolo (Kichijirō Ueda).