La locandina del film "Apollo 13"
Una scena di "Apollo 13"

11 Aprile 1970. Gli astronauti Jim Lovell (Tom Hanks), Fred Haise (Bill Paxton) e Jack Swigert (Kevin Bacon) partono per una missione nello spazio con lo scopo di approdare sulla Luna. Il loro viaggio però non andrà come previsto: i tre saranno costretti a un rientro di fortuna.

Prendendo spunto dal fatto di cronaca che tenne l'America (e non solo) con il fiato sospeso e il naso rivolto verso il cielo, Apollo 13 è un solido film ben strutturato che cerca di unire spettacolo e pathos emotivo, sovrapponendo il ritratto intimista dei protagonisti alla loro eccezionale avventura spaziale. Lo spunto avrebbe potuto essere soggetto a facili parentesi strappalacrime ed eccessi di effetti speciali, ma il faraonico budget a disposizione (62.000.000 di dollari stimati) viene sfruttato al meglio nella ricostruzione degli ambienti e nelle componenti tecniche, esaltando dunque il sentimento oltre che la meraviglia visiva. A tratti lunga e prolissa (soprattutto nel continuo parallelo, a tratti eccessivo, tra gli astronauti nello spazio e i loro familiari rimasti a casa), la pellicola riesce comunque a incollare lo spettatore allo schermo e a raccontare dinamiche scientifiche senza ricorrere a incomprensibili tecnicismi. Due Oscar (sonoro e montaggio), più altre sette nomination.

Nei cinema

In TV

In streaming