La locandina del film "Assassinio sull'Orient Express"

Assassinio sull'Orient Express

Murder on the Orient Express

Il prestigioso treno Orient Express è costretto a una sosta obbligata per via di una valanga. In quel frangente uno dei passeggeri (Johnny Depp) verrà trovato assassinato. Il colpevole però non ha tenuto conto del fatto che sul treno si aggira il migliore detective al mondo: Hercule Poirot (Kenneth Branagh).

Tratto da uno dei più celebri romanzi di Agatha Christie, Assassinio sull'Orient Express prende le mosse da un modello narrativo invidiabile e capace di intrattenere il pubblico ancora oggi. Kenneth Branagh (sia protagonista che regista del film) usa al meglio la sua esperienza teatrale per dirigere un cast d'eccezione (tra gli altri, Michelle Pfeiffer, Penélope Cruz, Judi Dench e Willem Dafoe) in quella che ben presto si dimostra una vera e propria sfida attoriale. Se infatti i personaggi in scena devono cercare di dimostrarsi innocenti agli occhi del temibile detective, gli attori che li interpretano devono risultare convincenti agli occhi del regista. Se il tutto funziona nei dialoghi e nelle sequenze girate all'interno del treno, purtroppo il prologo a Gerusalemme e i numerosi flashback virati in bianco e nero non rendono giustizia al disegno complessivo dell'operazione, che finisce così per risentirne più del dovuto. Branagh opta per una regia a tratti eccessiva nel ricercare inquadrature sorprendenti o movimenti di macchina sensazionali senza rendersi conto che, oggi come allora, la magia del racconto sarebbe stata sufficiente per inchiodare il pubblico sulla poltrona. Più riuscito era un altro adattamento, Assassinio sull’Orient Express (1974), firmato Sidney Lumet e con protagonista Albert Finney nei panni di Poirot.

Nei cinema

In TV

In streaming