La locandina del film "Due gran figli di..."

Due gran figli di...

Father Figures

GENERE:

Commedia

NAZIONE:

Usa

Anno:

2017

Durata:

113 min

Formato:

col

Una scena di "Due gran figli di..."

La non più giovane mamma Helen (Glenn Close) annuncia ai due gemelli Kyle (Owen Wilson) e Peter (Ed Helms) che il loro padre naturale non è morto di tumore al colon ma è ancora in giro da qualche parte e nemmeno lei ne conosce l’identità (erano gli anni ’70 e l’amore libero trionfava). I due fratelli, diversissimi e agli antipodi (viveur con fidanzata hawaiana Kyle, grigio ometto e frustrato gastroenterologo Peter, oltre che fan di Law & Order) decidono allora di mettersi in viaggio per ritrovare quel padre che non hanno mai conosciuto…

Becera commedia on the road carica di doppi sensi sconci da scuola elementare e trivialità gratuite, Due gran figli di… è l’opera prima di Lawrence Sher, direttore della fotografia di tutti gli Una notte da leoni, che recupera nel cast del suo esordio Ed Helms, mattatore assoluto del filone, e gli affianca Owen Wilson alle prese con il classico ruolo da belloccio un po’ scapestrato nel quale più volte l’attore è rimasto ingabbiato. Il road movie che prende corpo a partire dal pretesto della ricerca del genitore ondeggia tra il prevedibilissimo (il gioco delle parti tra i fratelli che li porta ad approfondire il proprio legame, a scoprire e a scoprirsi, con Peter chiamato a sbottonarsi e lasciarsi andare) e lo scult: da Owen Wilson che fa pipì sui bambini a un incontro ravvicinato, con tanto di annusate, a un J.K. Simmons balordo e tatuato, passando per tanti sketch forzati e altrettante frivolezze da quattro soldi, non ci si fa mancare davvero nulla ma non si ride nemmeno per sbaglio. Si approda così, stancamente e mestamente, alla commozione (?) telefonata di un finale con incorporato il plot twist ricattatorio. A suo modo geniale la traduzione italiana del titolo originale (Father Figures), che allude più alla licenziosità della mamma che alla ricerca del papà. Il quarterback Terry Bradshaw interpreta se stesso. Piccolo ruolo assai scurrile anche per Ving Rhames, il Marsellus Wallace di Pulp Fiction (1994)

Nei cinema

Dal 1 marzo 2018

In TV

In streaming