La locandina del film "Geostorm"

In seguito a una terribile scia di disastri naturali senza precedenti che si stanno abbattendo sul pianeta, i capi di stato si riuniscono per mettere a punto una rete di satelliti in grado di tenere a bada l’ambiente e di sorvegliare dunque anche la sicurezza dei cittadini. Lo scienziato Jake Lawson (Gerard Butler) e il fratello Max (Jim Sturgess) vengono incaricati di risolvere la situazione, ma non tutto va per il verso giusto…

Terribile disaster movie che ripesca e rimescola il peggio del genere, tentando di imitare Independence Day (1996) e i suoi vari emuli nella maniera più grossolana che si possa immaginare. Il risultato è un film sfilacciato e abborracciato, mai credibile e ancor meno plausibile, nel quale i nodi e gli spunti scientifici sono proposti in maniera così pretestuosa e approssimativa da far dubitare della buona fede degli autori e le metafore d’accatto (il satellite Dutch Boy che si sostituisce a Dio) appaiono altrettanto disarmanti. L’ingenuità è tale che in più punti potrebbe perfino suscitare simpatia, ma a farla da padrone è la scollatura costante tra uno spunto e l’altro, per non parlare di una pretestuosità generale che spinge il film alle soglie dell’ironia camp. Il ridicolo involontario di Geostorm e i suoi tanti difetti ha generato un’accoglienza mortifera da parte della critica americana, che si è interrogata sull’opportunità di rappresentare le catastrofi naturali in maniera così pasticciata e scadente, senza fare i conti in alcun modo con la realtà di tali fenomeni che, soprattutto in America, costituiscono una fetta importante della quotidianità di molti. Qualche momento cartoonesco è degno dei film della Asylum, il riscaldamento globale è trattato con estrema faciloneria e in tanti hanno notato come la locandina si rifaccia spudoratamente al poster di Inception (2010) di Christopher Nolan. Disastroso.

Nei cinema

Dal 1 novembre 2017

In TV

In streaming