La locandina del film "Jack Reacher: Punto di non ritorno"

Jack Reacher: Punto di non ritorno

Jack Reacher: Never Go Back

Jack Reacher (Tom Cruise) deve scagionare il maggiore Susan Turner (Cobie Smulders) da false accuse di spionaggio e per farlo si mette contro la legge, scoprendo sia un piano segreto governativo, sia un pesante segreto che riguarda il proprio passato.

Tratto dal romanzo di Lee Child Punto di non ritorno e sequel del primo capitolo del 2012, Jack Reacher: Punto di non ritorno ripropone le avventure dell’imbattibile agente di polizia militare interpretato da Tom Cruise. E lo fa senza nessuna trovata eclatante (nonostante il cambio di regia, da Christopher McQuarrie a Edward Zwick) e perdendo le simpatiche partecipazioni di Werner Herzog e Robert Duvall, presentandosi come un action movie a tutto tondo, in cui l’impavido e solitario eroe all American è alle prese tanto con esplosioni e sparatorie quanto con l’emergere di sentimenti e fanciulle. Molti effetti speciali ma poco coinvolgimento per un plot stravisto che sa un po’ di minestra riscaldata: innegabile l’impegno di Cruise sul piano fisico che, però, non riesce mai a conferire un po’ di spessore al suo inossidabile personaggio. Per gli amanti del genere tutto muscoli e poco cervello, un blockbuster spendaccione e adrenalinico che si prende troppo sul serio: con qualche guizzo ironico in più sarebbe stato meno scontato.

Nei cinema

In TV

In streaming