La locandina del film "Little Joe"

Little Joe

Little Joe

NAZIONE:

Austria, Gran Bretagna, Germania

Anno:

2019

Durata:

100 min

Formato:

col

Una scena di "Little Joe"

Alice (Emily Beecham) lavora in un avanguardistico centro di ricerca di biotecnologia che sta sviluppando alcuni studi a scopo terapeutico su un fiore. Infrangendo le regole del laboratorio, Alice porta un campione a casa come regalo per il figlio adolescente Joe (Kit Connor). La presenza del fiore nella casa, dà il via ad alcuni strani avvenimenti.

Sfruttando un'ambientazione sci-fi giocata su ambientazioni minimal e un impalpabile clima di tensione latente, Jessica Hausner, anche co-sceneggiatrice insieme a Geraldine Bajard, mette in scena un inquietante apologo sulle imprevedibili conseguenze che si manifestano nel momento in cui l'ossessione per la ricerca scientifica supera i confini imposti dalla Natura. L'atmosfera asettica del laboratorio si specchia nella totale assenza di empatia tra i rapporti umani dei personaggi e l'anaffettività domina una realtà nella quale l'illusione della felicità passa per una creazione sintetica dell'uomo. Il fiore, battezzato "Little Joe", diventa un elemento estraneo che altera la percezione di normalità all'interno del nucleo famigliare, nascondendo pericolo e mistero dietro la sua suadente bellezza. Un'opera di notevole ambizione, limpida nella sua resa metaforica, con un approccio freddo e distaccato, tipico del cinema austriaco, che appare sempre funzionale alla vicenda. Alcune ingenuità presenti nella prima parte, quando le interazioni tra i personaggi rischiano di diventare fin troppo meccaniche, lasciano poi il posto a un sviluppo teso e spiazzante, che porta alla luce un disegno complessivo di scrittura di grande profondità. Un film di grande fascino, che colpisce per la capacità di ragionare sulle ossessioni della società contemporaneità ma, soprattutto, per la personalità con cui porta avanti una non banale riflessione sul ruolo della donna come madre e simbolo di fertilità. Piccola parte per Ben Whishaw nel ruolo di Chris. Presentato in concorso al Festival di Cannes.

Nei cinema

In TV

In streaming