Mister Universo

NAZIONE:

Austria, Italia

Anno:

2016

Durata:

90 min

Formato:

col

A Tairo (Tairo Caroli), domatore circense, viene sottratto un portafortuna di fondamentale importanza affettiva. Per procurarsene uno nuovo andrà alla ricerca di Arthur Robin (Arthur Robin), il forzuto Mister Universo che anni prima gli aveva regalato l'amuleto.

Cercando di intrecciare in maniera lineare e omogenea il cinema di finzione con uno sguardo più documentaristico e spontaneo, Tizza Covi e Rainer Frimmel firmano un'opera potenzialmente curiosa seppur non priva di evidenti lacune. Se infatti lo scheletro narrativo di Mister Universo è decisamente calzante per i tempi che corrono (in anni di precarietà e incertezze si è disposti a tutto pur di rimanere a galla, persino a rifugiarsi e trovare conforto nei "magici" effetti degli amuleti portafortuna), proprio la forma adottata dai due autori sembra risultare meno efficace del previsto: le sequenze più sincere e appassionanti sono quelle in cui la macchina da presa si limita a osservare la quotidianità rappresentata, senza voler invadere la scena con la sua presenza. Quando però, per ragioni narrative, si chiede ai personaggi di seguire un canovaccio prestabilito (il furto dell'amuleto, l'incontro con Mister Universo, la prova di forza del figlio), il progetto arriva a mostrare le sue crepe più evidenti, rivelandosi impacciato, per nulla spontaneo e poco credibile. Premiato con una menzione speciale al Festival di Locarno 2016.

Prossimamente al cinema

Dal 9 marzo 2017

In TV

In streaming