La locandina del film "Nausicaä della Valle del vento"

Nausicaä della Valle del vento

Kaze no tani no Naushika

NAZIONE:

Giappone

Anno:

1984

Durata:

117 min

Formato:

col

REGISTI:

Hayao Miyazaki

Una scena di "Nausicaä della Valle del vento"

Dopo una guerra nucleare, l'umanità si trova confinata in poche aree ristrette, tra cui la Valle del Vento, mentre sul resto del pianeta dilaga la Giungla Tossica, popolata da velenosi e mostruosi insetti.

È il Miyazaki più pacifista ed ecologista quello di Nausicaä della valle del vento, che rappresenta un mondo inquinato e un'umanità ridotta e regredita a livello medievale, infondendo speranza sotto le mentite spoglie della principessa Nausicaä, eroina salvatrice. Invece di attaccare brutalmente la giungla velenosa, risultato delle azioni dell'uomo, la ragazza decide di utilizzare metodi pacifici e cercare un compromesso, scoprendo così che, dietro all'aspetto mefitico, si nasconde la sostanziale purezza della natura. Una pellicola che predica amore e rispetto e lo fa con tutto l'armamentario visivo dello Studio Ghibli: insettoni, robottoni e simpatici animaletti. Rispetto al precedente Lupin III – Il castello di Cagliostro (1979), la narrazione risulta più coesa, le ambizioni aumentano così come lo spessore filosofico e la cura formale, garantendo così un prodotto tanto godibile quanto intelligente e profondo. Il film (tratto dall'omonimo manga sempre firmato Miyazaki) è considerato l'esordio della casa di produzione giapponese, fondata ufficialmente solo nel 1985, e contiene in nuce molte delle ossessioni del suo maestro. Distribuito in sala in Italia solo nell'ottobre 2015.

Nei cinema

In TV

In streaming