La locandina del film "Cercasi Gesù"

Don Filippo (Fernando Rey) offre un passaggio all'autostoppista Giovanni (Beppe Grillo) e, controvoglia, anche a Francesca (Maria Schneider), una terrorista in fuga. Il prete è alla ricerca di un volto che possa impersonare Gesù nel rilancio della sua immagine e ritiene l'uomo un possibile candidato. Il problema è che Giovanni si comporta in modo strano, cercando di portare avanti, con ingenuità, uno spirito misericordioso verso i più deboli.

Commedia satirica che mette in evidenza come la Chiesa (in primis) e la società si siano allontanate dal messaggio evangelico, troppo prese a costruire e fortificare il proprio potere. Comencini sceglie di far interpretare il ruolo principale al comico Beppe Grillo (all'apice della popolarità all'epoca), al suo esordio cinematografico che gli valse David di Donatello e Nastro d'Argento come miglior attore esordiente: scelta tutto sommato vincente che si adegua allo spirito del film, nonostante spesso l'attore diventi un irritante "doppione" del personaggio televisivo che l'ha reso famoso. Un'operazione comunque dozzinale dalla sceneggiatura (a cui ha collaborato anche Antonio Ricci) sfilacciata e, alla fine, poco divertente. Le premesse irriverenti si perdono in uno svolgimento mai accattivante.

Nei cinema

In TV

In streaming