La locandina del film "Né Giulietta né Romeo"
Una scena di "Né Giulietta né Romeo"

Il sedicenne Rocco (Andrea Amato) è alle prese con una crisi di identità sessuale: non riesce ad avere rapporti con la coetanea Maria (Carolina Pavone) e scopre di amare un compagno di scuola. Dopo aver rivelato la propria omosessualità ai genitori (Veronica Pivetti e Corrado Invernizzi), deluso dalla loro reazione, decide di scappare a Milano a vedere un concerto: toccherà alla madre, accompagnata dall’esuberante nonna (Pia Engleberth), andare a riprenderlo.

Esordio alla regia per Veronica Pivetti, anche protagonista, Né Giulietta né Romeo vorrebbe essere una commedia impegnata su temi di scottante attualità come quello del coming out e della famiglia disfunzionale (i genitori di Rocco sono affermati professionisti separati e poco in grado di gestire le problematiche domestiche), ma non ha lo spessore per restituire un minimo di contenuto. La rivelazione di Rocco diventa un pretesto per intessere una scialba commedia degli equivoci traghettata verso un ovvio lieto fine consolatorio, dove tutto si risolve a tarallucci, vino e prese di coscienza. Quel che è peggio, però, è la recitazione: da una parte c’è un gruppo di esordienti del tutto impreparati, dall’altra le esagerazioni grottesche e urlate di quelli che dovrebbero essere i professionisti, e che non risparmiano neppure la Engleberth. Un esordio malriuscito, poco credibile e in fondo moralista e vuoto.

Nei cinema

In TV

In streaming