Bong

Joon-ho

14 settembre 1969, Taegu (Corea del Sud)
Premi Principali
Palma d'oro al Festival di Cannes 2019
Regista tra i più interessanti del cinema sudcoreano d’inizio nuovo millennio, Bong Joon-ho ha attraversato diversi generi, riuscendo sempre a imprimere ai suoi lavori un tocco personale e profondo. Dopo il poco conosciuto esordio con Barking Dogs Never Bite nel 2000, firma nel 2003 un poliziesco di pregevole fattura come Memories of Murder, che lo fa conoscere come uno dei nomi nuovi più interessanti dell’industria della Corea del Sud. Nel 2006 con The Host dà vita a un monster-movie profondamente politico e capace di riflettere con forza con la società del suo paese. Dopo un’altra pellicola fondamentale come Madre (2009), fa il suo esordio in lingua inglese con la fantascienza post-apocalittica di Snowpiercer (2013), a cui fa seguito Okja (2017), prodotto da Netflix. Nel 2019 torna a girare un film nel suo paese e nella sua lingua e firma il potentissimo Parasite, una commedia nera dai sorprendenti risvolti sociologici, che viene meritatamente premiata con la Palma d’oro al Festival di Cannes.
Ordina Per

Film di Bong Joon-ho

Nessun film presente
Maximal Interjector
Browser non supportato.