Mister Link
Missing Link
2019
In sala
dal 17/09
Paesi
Canada, Usa
Genere
Animazione
Durata
93 min.
Formato
Colore
Regista
Chris Butler
Fine del XIX secolo. Stanco di vivere in solitudine, un simpatico “bigfoot” che prenderà il nome di Mr. Link recluta un intrepido esploratore britannico per portarlo nella leggendaria valle di Shangri-La. L’obiettivo di Mr. Link è incontrare i suoi “cugini”, gli yeti, per poter avere una famiglia con cui vivere. Non tutto, però, andrà come previsto.

Quinto lungometraggio della Laika Animation, casa di produzione americana che si è specializzata nella tecnica della stop-motion, unendola però alle più moderne tecniche in CGI. Noti per aver esordito nel mondo del cinema con il bellissimo Coraline e la porta magica (2009), i creativi della Laika si sono un po’ arenati negli anni successivi, proponendo prodotti decisamente meno affascinanti e innovativi della loro opera prima. Non fa eccezione, sfortunatamente, Mister Link, film che vede il ritorno alla regia di Chris Butler, colui che aveva firmato il secondo lungometraggio della casa, Paranorman nel 2012. Funzionerebbe anche tutto abbastanza bene in Mister Link, grazie a un intrattenimento discreto e a un'estetica più che dignitosa, ma ciò che manca è una qualsiasi forma di reale guizzo, narrativo o stilistico che sia. La forma è più che sufficiente, ma ormai non riesce più a sorprendere e, allo stesso tempo, la storia si sviluppa in maniera sicuramente scorrevole ma altrettanto banale e scontata. Qua e là ci si diverte, ma l’insieme è poco stimolante e anche i personaggi non regalano grandi emozioni. Ne risulta un prodotto pigro, che gioca per raggiungere il minimo sindacale senza tentare nulla di più. Nella versione originale tra i doppiatori ci sono Hugh Jackman (Sir Lionel Frost), Zach Galifianakis (Mr. Link) e Emma Thompson (l’anziana a capo degli yeti sull’Himalaya).
Maximal Interjector
Browser non supportato.