La bussola d'oro
The Golden Compass
2007
Paesi
Usa, Gran Bretagna
Generi
Fantasy, Avventura
Durata
113 min.
Formato
Colore
Regista
Chris Weitz
Attori
Nicole Kidman
Daniel Craig
Dakota Blue Richards
Eva Green
Sam Elliott
Christopher Lee
Tom Courtenay
In un mondo in cui ogni persona vive accanto al proprio daimon, ovvero l'anima che si manifesta sotto forma di un animale, Lyra (Dakota Blue Richards) è un'orfana che vive nel Jordan College di Oxford. A sua insaputa, è protetta dallo zio, Lord Asriel (Daniel Craig), che, prima di partire per un viaggio, le affida l'aletiometro, uno strumento simile a una bussola con cui può avere la risposta a ogni domanda. Quando alcuni ragazzini scompaiono dall'istituto, Lyra è costretta a seguire la malvagia signora Coulter (Nicole Kidman). Dopo lo strepitoso successo della trilogia de Il signore degli anelli, si è aperta la caccia a una saga fantasy da trasporre sul grande schermo, altrettanto forte, dedicata ai giovanissimi che però possa suscitare interesse anche in un pubblico adulto. Adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo (1995) di Philip Pullman, primo volume della trilogia Queste oscure materie, il film di Weitz avrebbe potuto avere le carte in regola per diventare un piccolo classico del genere (trama originale, cast di richiamo, scenari suggestivi), anche grazie a un messaggio anticlericale in grado di offrire interessanti spunti di riflessione (l'organizzazione immaginaria Magisterium è simboleggiata da una grande "M" che ricorda il noto disegno stilizzato con cui la Chiesa Cattolica indica la Vergine Maria); eppure il lavoro è deludente, e non va oltre lo spettacolo visivo che procede per accumulo. La regia si sgretola dopo le prime battute, abbandonandosi a semplificazioni repentine al solo scopo di lasciare spazio a battaglie sempre meno avvincenti. Daniel Craig e Nicole Kidman spaesati in un contesto lontano anni luce dai ruoli che ricoprono abitualmente. Un'opera pretenziosa, in cui ci si è lasciati prendere la mano dagli effetti speciali, ma si è persa la bussola del racconto. Girato in Inghilterra, Svizzera, Ungheria e Norvegia, con 180 milioni di dollari di budget. Abortiti i due successivi capitoli della saga.
Maximal Interjector