Una 44 Magnum per l'ispettore Callaghan
Magnum Force
1973
IRIS
il 03/12   dalle ore 23:40
Paese
Usa
Genere
Poliziesco
Durata
124 min.
Formato
Colore
Regista
Ted Post
Attori
Clint Eastwood
Hal Holbrook
David Soul
Mitchell Ryan
Tim Matheson

Nonostante sia mal tollerato dai superiori, il duro ma efficace ispettore Callaghan (Clint Eastwood) riesce a farsi assegnare all'indagine su un serie di omicidi: tutte le vittime sono noti malviventi e a ucciderli è un misterioso poliziotto della stradale. Ma dietro a questa strana ondata di delitti c'è un oscuro gruppo di insospettabili, decisi a fare “pulizia” a modo loro. 

Dopo Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo (1971), questo è il secondo film dedicato alle indagini di “Harry la carogna”, prototipo imprescindibile del poliziotto macho e granitico, la cui regia passa dal grande Don Siegel a un onesto artigiano come Ted Post, (attivissimo come regista televisivo e autore di un altro sequel, L'altra faccia del pianeta delle scimmie, 1970). Il cambio di testimone si sente, perché qui manca la freschezza, la prodigiosità tecnica e la tensione che hanno imposto il primo film come un classico di culto. Ma c'è spazio per approfondire psicologicamente il personaggio di Callaghan, regalargli per la prima volta una parentesi amorosa e metterlo di fronte non più al Male assoluto (lo Scorpio del primo film), ma al suo stesso rapporto con la legge e la morale. Dirty Harry odia il sistema ma ribadisce la necessità di restare entro i confini della legalità, contro il pericoloso giustizialismo passatista dei vigilantes; altrimenti, come scriverà anni dopo il fumettista Alan Moore in Watchmen, «chi controlla i controllori?». C'è qualche schematismo di troppo, ma in sceneggiatura lavorano due campioni come John Milius e Michael Cimino: il primo s'impone lo stesso anno con la regia di Dilliger, il secondo esordirà a breve con Una calibro 20 per lo specialista (1974). David Soul diventerà celebre poco dopo nel ruolo (diametralmente opposto) di Ken Hutchinson nella serie tv Starsky e Hutch.

Maximal Interjector
Browser non supportato.