Leos

Carax

22 novembre 1960, Suresnes (Francia)
Nato nei dintorni di Parigi, è il figlio di Joan Osserman-Dopunt, critica cinematografica e giornalista americana, e di Georges Dupont, giornalista franco-americano. Negli anni '70 entra in contatto con il mondo dei Cahiers du Cinéma per breve tempo. Dopo gli esordi come critico cinematografico, nel 1980 riesce a realizzare il suo primo cortometraggio, Strangulation Blues, di diciassette minuti, con cui vince il Gran Premio al Festival Internazionale del cinema giovanile di Hyères nel 1981. Il film successivo, Boy Meets Girl (1984), è il suo vero esordio e vede protagonista quello che diventerà il suo attore feticcio, Denis Lavant. Il film viene presentato all’interno della Settimana Internazionale della Critica del Festival di Cannes e porta al regista il Prix de la Jeunesse e una nomination come miglior opera prima ai César. In seguito gira Rosso sangue con Denis Lavant, Michel Piccoli e Juliette Binoche, maturando uno stile dal fortissimo simbolismo e dalla grande fora espressiva. Nel 1991 esce il suo cult Gli amanti del Pont-Neuf, sempre con Denis Lavant e Juliette Binoche, dopo un enorme sforzo produttivo che lo impegnò per diversi anni. Otto anni dopo è il momento di Pola X, per la critica un vero flop. Nel 2007 realizza Merde, segmento del film collettivo Tokyo!, film a episodi realizzato con Michel Gondry e Bong Joon-ho, prima che nel 2012 torni finalmente al lungometraggio col potentissimo Holy Motors, una grande riflessione sul corpo dell’attore e sul passato, il presente e il futuro del cinema. Il suo progetto successivo è anche il suo esordio in lingua inglese, Annette, con Adam Driver e Marion Cotillard. 
Ordina Per

Film di Leos Carax

Nessun film presente
Ordina Per

Film con Leos Carax

Nessun film presente
Maximal Interjector
Browser non supportato.