Non sono un assassino
2019
Paese
Italia
Generi
Drammatico, Thriller
Durata
111 min.
Formato
Colore
Regista
Andrea Zaccariello
Attori
Riccardo Scamarcio
Alessio Boni
Edoardo Pesce
Claudia Gerini
Sarah Felberbaum
Barbara Ronchi
Caterina Shulha
Il vice questore Francesco Prencipe (Riccardo Scamarcio) esce di casa per raggiungere il suo migliore amico, il giudice Giovanni Mastropaolo (Alessio Boni), che non vede da quasi due anni. Quella stessa mattina il giudice viene trovato morto. Legal thriller incentrato sul tema della colpevolezza vera o presunta e su una marcata ambiguità di fondo, Non sono un assassino ha per protagonista un Riccardo Scamarcio invecchiato nel fisico e nell’aspetto, con tanto di rughe e capelli imbiancati. La vicenda narrata segue il rapporto tra tre amici di vecchia data che vedono le loro esistenze rimescolate da un tragico omicidio avvolto nel mistero, ma il film di Andrea Zaccariella mostra fin dalle prime battute tutti i suoi limiti: i dialoghi sono fiacchi e rivedibili, il mimetismo degli interpreti deficitario e, a dispetto delle premesse, si respira una scarsa tensione morale e psicologica. Le atmosfere di partenza sono fascinose, ma a scombussolare la narrazione e a comprometterne efficacia è soprattutto un maldestro intreccio di piani temporali. Davvero sotto il livello di guardia, in particolar modo, i ricorrenti flashback dei tre protagonisti da giovani, ma anche il tappeto sonoro progressive rock si integra poco come le immagini. Il personaggio più interessante è senz’altro quello di Edoardo Pesce, terzo amico del trio e connotato da debolezze, dipendenze e intime fragilità che però guadagnano la ribalta troppo tardivamente, mentre convincono molto meno certi dettagli naïf (la figlia di Prencipe che legge le Operette morali di Leopardi) e la scelta di costringere Claudia Gerini a sforzarsi nel riprodurre una forzata e afona parlata meridionale. Tratto dall’omonimo best seller di Francesco Caringella, ex commissario di polizia ed ex magistrato.
Maximal Interjector