Ovunque proteggimi
2018
Paese
Italia
Genere
Drammatico
Durata
94 min.
Formato
Colore
Regista
Bonifacio Angius
Attori
Alessandro Gazale
Francesca Niedda
Gavino Ruda
Mario Olivieri
Anna Ferruzzo
Teresa Soro
Antonio Angius
Dopo una vita sprecata davanti ad una slot-machine, sbronzo dalla mattina presto e sperando nella fortuna di un gratta e vinci, Alessandro (Alessandro Gazale) non avrebbe mai immaginato che l'amore potesse tornare a fargli visita. In una corsia d'ospedale. Ritorno dietro la macchina da presa del regista sardo Bonifacio Angius, già autore di Perfidia (2014), Ovunque proteggimi racconta la dolorosa parabola di un uomo di provincia affaticato e appesantito da un passato sbiadito, che percepiamo appena ma che allo stesso tempo non può non risuonare a chiare lettere nei pensieri e nell’immaginazione dello spettatore. Cinquantenne trasandato che canta per un pubblico poco riconoscente e deve fare i conti con una madre che non intende concedergli i soldi per pavoneggiarsi con ragazze sbandate, Alessandro vedrà la sua vita prendere una piega sorprendente e inaspettata e sarà trascinato su una nuova rotta che segnerà una nuova fase della sua esistenza. Il regista, alla sua opera terza, affronta tale dimensione da road movie accumulando premesse sofferte e contrassegnate da un evidente caos morale nella prima parte, decisamente più efficace (soprattutto nelle carezzevoli e cupe sequenze romantiche). Per poi abbandonarsi, tuttavia, a un viaggio, direzione Spagna, più schematico ma anche più diseguale e pasticciato. Tutt’altro che trascurabile la rappresentazione, algida e inospitale, del paesaggio sardo, mentre più impalpabile è l’affresco all’insegna di una durezza sociale appena sfiorata ma anche, come in altri lavori del regista, eccessivamente didascalica e calata dall’alto, con una certa rigidità e un finale in cui la retorica grossolana vanifica l’intensità. L’espressività del volto del protagonista è interessante e degna di nota, mentre più discutibile appare il ricorso a una rabbia sociale generalizzata anche se fortemente contemporanea, che tira in ballo le bugie della democrazia e della Sinistra.
Maximal Interjector
Browser non supportato.