Tom à la ferme
Tom à la ferme
2013
Paesi
Canada, Francia
Generi
Drammatico, Thriller
Durata
102 min.
Formato
Colore
Regista
Xavier Dolan
Attori
Xavier Dolan
Pierre-Yves Cardinal
Lise Roy
Evelyne Brochu
Dopo la morte del proprio compagno, Tom (Xavier Dolan) fa visita alla fattoria in cui abitava il ragazzo per partecipare al suo funerale. Incontra così per la prima volta la madre Agathe (Lise Roy), ignara dell'omosessualità del figlio, e il fratello Francis (Pierre-Yves Cardinal), un uomo misterioso e violento, per cui Tom inizia a provare una pericolosa attrazione. Basato sull'omonima pièce teatrale dello scrittore Michel Marc Bouchard, il quarto lungometraggio di Xavier Dolan è un'opera mutevole, sfuggente, ellittica e personalissima, perfetta nella sua calcolata imperfezione, che parte come un film intimista per poi assumere i tratti del mélo classico prima di sfociare in un thriller dei sentimenti. Il giovane cineasta di Montréal effettua un cambio di rotta rispetto alle sue pellicole precedenti, allestendo un impianto teatrale di sapore fassbinderiano che funge da contenitore a una vicenda che è un semplice scheletro di base su cui costruisce un'indagine non priva di fascino sull'elaborazione del lutto, la difficoltà e la necessità di colmare un'assenza (fisica e emozionale), le dinamiche di sottomissione, la ricerca di un rifugio protettivo. Lampi di grande suggestione (l'incipit, la corsa nella piantagione di mais, la fuga finale) si alternano a inserti grotteschi (la sequenza del ballo) nel tentativo di spaziare tra più registri, evidenziando però l'assenza di una precisa identità cinematografica. L'esasperazione dei tratti caratteriali dei protagonisti, che ben si adegua a una rilettura demistificatoria dei classici stilemi melodrammatici, compone un ritratto obliquo e viscerale che esalta la sensibilità di un autore di innegabile talento. La ridondante colonna sonora di Gabriel Yared non sembra essere il giusto contrappunto musicale a un film che inizialmente era stato concepito senza musica, scandito solo dai suoni della natura. Presentato in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia, dove si è aggiudicato il Premio Fipresci.
Maximal Interjector
Browser non supportato.