Still Walking
Aruitemo aruitemo
2008
Paese
Giappone
Genere
Drammatico
Durata
115 min.
Formato
Colore
Regista
Hirokazu Kore-Eda
Attori
Hiroshi Abe
Yui Natsukawa
You
Kazuya Takahashi
Yoshio Harada
Ogni anno, da ormai quindici anni, Ryota (Hiroshi Abe) e Chinami (You) si riuniscono a casa degli anziani genitori (Yoshio Harada e Kirin Kiki) per commemorare la morte del loro fratello primogenito Junpei, scomparso nel tentativo di salvare un bambino dall'annegamento. Mentre Chinami è da tempo sposata e madre di due figli, per Ryota questa è l'occasione per presentare ai genitori la sua nuova moglie (Yui Natsukawa), una vedova con un figlioletto a carico. La giornata trascorre scandita dal pranzo e dalla cena, fra problemi vecchi e nuovi e piccoli momenti di serenità.

ISCRIVITI AL NOSTRO WORKSHOP DEDICATO AL CINEMA GIAPPONESE!!!

Dopo aver compiuto una breve incursione nel jidaigeki (film di ambientazione storica) con il poco apprezzato Hana (2006), Hirokazu Kore-Eda torna al gendaigeki (film di ambientazione contemporanea) dirigendo una toccante pellicola a tematica familiare. Costruito attorno a un intimo confronto domestico tra figli cresciuti e genitori anziani, il film ricalca il modello sviluppato e consolidato per oltre un trentennio da Yasujirō Ozu, pur discostandosene in parte per la presenza di aspri elementi di conflitto e di una tensione generale estranei all'opera del regista di Tarda primavera (1949) e Viaggio a Tokyo (1953): privi della rassegnata accettazione tipica dei personaggi ozuiani, i protagonisti del film di Kore-Eda convivono in maniera non riconciliata con i propri rimpianti e risentimenti. Se l'asse lungo cui si sviluppa la pellicola è quello del rapporto conflittuale fra il secondogenito Kyota e l'anziano padre Kyohei, il centro profondo della riflessione di Kore-Eda è senz'altro occupato dalla prematura morte del primogenito Junpei, un ingombrante lutto mai completamente elaborato che a distanza di quindici anni continua a proiettare la propria ombra sui membri della famiglia Yokoyama. Strutturando il racconto nell'arco di una sola giornata, privilegiando le situazioni più semplici e ordinarie e tenendosi lontano da qualsiasi enfasi melodrammatica, Kore-Eda porta lo spettatore a scoprire la poesia nei piccoli dettagli del quotidiano: la sua è una fotografia di vita familiare intima e autentica, scattata con pudica compostezza e con un fine sguardo umanista fra i più preziosi del suo tempo. Emozionante e imprescindibile per gli amanti del cinema del regista nipponico.
Maximal Interjector
Browser non supportato.