Vital
Vital
2004
Paese
Giappone
Genere
Drammatico
Durata
86 min.
Formato
Colore
Regista
Shin'ya Tsukamoto
Attori
Tadanobu Asano
Shin'ya Tsukamoto
Nami Tsukamoto
Kiki
Kazuyoshi Kushida
Lily
Hana Kino
Gō Rijū
Jun Kunimura
Ittoku Kishibe
Takashi Akiba
Toshiki Ayata
Kazuko Emura
Dopo un grave incidente d'auto, dove perde la vita la sua ragazza Ryōko (Nami Tsukamoto), Hiroshi (Tadanobu Asano) rimane in coma per diverso tempo e, al suo risveglio, soffre di amnesia. Per recuperare parte della sua vita si iscrive alla facoltà di medicina e, durante il corso di dissezione, i suoi ricordi cominciano a riaffiorare di fronte al corpo esamine di Ryōko. Cosa succede quando moriamo? Rimane qualcosa nelle persone che perdiamo e che ci aiuti a elaborare il lutto? Con estrema sensibilità e un tocco intimista praticamente inedito, Tsukamoto esplora in Vital la comprensione e l'accettazione della perdita. Lo fa attraverso la figura del protagonista (interpretato da un ottimo Tadanobu Asano), ossessionato dalla morte della donna amata, che ritroverà nei suoi ricordi e, forse, nei suoi sogni. Pur rinunciando a molti degli stilemi che hanno segnato quasi tutto il percorso cinematografico del regista giapponese, anche in questa pellicola il corpo riveste un ruolo estremamente importante, rappresentando la mappatura stratificata di un percorso da seguire, alla ricerca della parte più profonda di ciascuno di noi: l'anima. L'opposizione tra la natura (luogo dell'anima) e la città (luogo del corpo, brutalizzato e sezionato come un oggetto) si fa qui centrale, e segna un cambio di direzione, forse irreversibile, nella poetica del cineasta giapponese. Vital, nella filmografia di Tsukamoto, rappresenta una produzione di grande maturità, nonché una delle sue opere più riuscite. Un film di una bellezza ipnotica, spietato e struggente al tempo stesso. I bozzetti anatomici che Hiroshi disegna durante le lezioni di medicina, sono in realtà realizzati dallo stesso regista.
Maximal Interjector
Browser non supportato.