Fiori d'equinozio
Higanbana
1958
Paese
Giappone
Generi
Commedia, Drammatico
Durata
118 min.
Formato
Colore
Regista
Yasujirō Ozu
Attori
Shin Saburi
Kinuyo Tanaka
Ineko Arima
Yoshiko Kuga
Keiji Sada
Hirayama (Ineko Arima) funge per tutta la sua famiglia da consigliere, visto che nessuno come lui è in grado di suggerire quali scelte fare per questioni che riguardano il benessere del focolare e la solidità dei legami coniugali. Siamo nella Tokyo degli anni '50 ma, mentre tutti intorno a lui si sposano, le figlie di Hirayama continuano a non prendere marito. Primo film a colori girato dal maestro giapponese Yasujirō Ozu. Nonostante l'opera sia tutt'altro che memorabile, il protagonista è un altro dei grandi personaggi della galleria di caratteri del cinema dell'autore, e sembra vivere sulla propria pelle l'approdo definitivo del Giappone dalla tradizione alla modernità, che evidentemente va fatta propria in rapporto alle abitudini, le passioni e i sentimenti di un intero popolo. Ozu firma un film delicato, puntellato dall'uso del colore per lui inedito, che è prima di tutto un'opera sul costume, sul tempo che passa, sulle fisiologiche evoluzioni della Storia ma anche sul lato più velatamente oscurantista che alberga in ciascuno di noi. Imbalsamato per via dei suoi intenti pedagogico-illustrativi e dalla forzosa convivenza tra l'austerità orientale e le sirene dell'autonomia dal sapore occidentale, rimane una pellicola imperfetta ma non priva di fascino.
Maximal Interjector
Browser non supportato.