Il marchese del Grillo
1981
Paesi
Italia, Francia
Generi
Commedia, Storico
Durata
135 min.
Formato
Colore
Regista
Mario Monicelli
Attori
Alberto Sordi
Caroline Berg
Andrea Bevilacqua
Tommaso Bianco
Riccardo Billi
Flavio Bucci
Angela Campanella
Marina Confalone
Nella Roma d'inizio Ottocento, dove la minaccia dalle armate napoleoniche è sempre più forte, vive il marchese Onofrio del Grillo (Alberto Sordi), eccentrico ed egoista nobile sempre incline agli scherzi. Tra una storia d'amore e una visita all'osteria, il protagonista dovrà districarsi tra l'ira della sua famiglia, la violenza dei briganti, il giudizio del Papa e l'invasione francese. Il marchese del Grillo è un omaggio di Monicelli ad Alberto Sordi, uno dei suoi attori feticcio. Film costruito sulle corde dell'ormai maturo interprete romano, il film è una commedia in costume ispirata ad alcuni racconti popolari capitolini, e all'omonimo libro di Luca Desiato, incentrati sul defunto nobile bontempone. Sempre in bilico tra crudeltà e goliardia, il protagonista ci guida alla scoperta di una serie di personaggi tipicamente monicelliani, antieroi alla ricerca di una condizione migliore. Un divertissement che è perfetto esempio di teatro popolare riprodotto sullo schermo, sebbene a tratti un po' prolisso e di una cupezza leggermente manierista. Molte sequenze restano impresse: il negozio murato o le monete arroventate lanciate ai mendicanti, così come alcune battute («io so' io... e voi non siete un cazzo!»), frutto di una sceneggiatura puntuale e consapevole. Sordi si diverte nei panni del vitellone strafottente e il pubblico, che fin dai primi minuti intuisce la cosa, lo segue altrettanto divertito. La Roma papalina è fotografata egregiamente da Sergio D'Offizi; altrettanto mirabili sono i costumi di Gianna Gissi. La pellicola ha vinto l'Orso d'argento al Festival di Berlino e tre David di Donatello nel 1982 (miglior attore protagonista, migliore scenografia e migliori costumi).
Maximal Interjector
Browser non supportato.